Il messaggio di Aleksandr Dugin per l’Italia – merc. 13/04 intervista zoom dal prof. Pacini

Mercoledì 13 aprile 2022, sessione Zoom eccezionale!
Con noi c’era proprio il Prof. Aleksandr Dugin, intervistato dal nostro prof. Lorenzo Maria Pacini.

 

In questa prima parte l'introduzione e le prime due domande dal professor Pacini.
203 views
La seconda e principale parte dell'incontro zoom con il professor Aleksandr Dugin. Il suo discorso.
66 views
Il professor Pacini riassume il discorso del professor Dugin.
38 views

 


Il Messaggio di Aleksandr Dugin per l’Italia, articolo da prof. Lorenzo Maria Pacini.

Sta facendo molto parlare di sé in Italia il prof. Aleksandr Dugin in questi ultimi giorni.
Colui che viene, con una discreta fantasia, definito “l’ideologo di Putin” o “il Rasputin del Cremlino” ha parlato al nostro Paese, lanciando un messaggio forte e chiaro: c’è bisogno di un grande risveglio, e lo ha potuto dire alle masse tramite i mezzi di comunicazione nazionali.

Il messaggio di Aleksandr Dugin per l’Italia

Le parole che Dugin ha espresso sono una esortazione che si articola su più livelli. Anzitutto, ha spiegato ulteriormente che cosa sia la multipolarità e il passaggio in atto verso di essa, in maniera concreta ed ormai già evidente anche ai meno avvezzi alla geopolitica. Una differente configurazione dell’assetto geopolitico internazionale la cui comprensione è imprescindibile per comprendere ciò che stiamo vivendo, il conflitto in atto sul fronte ad Est e, cronologicamente prima, lo stesso Great Reset lanciato dalle élite globaliste per un nuovo ordine dell’intero mondo. In secondo luogo, ha lanciato un monito al popolo italiano affinché si desti dal torpore culturale e politico in versa, in particolare con gli ultimi due anni di politiche emergenziali che hanno consolidato la tecnocrazia dispotica e affossato ancor di più le iniziative di riscossa della buona cultura. Infine, ma non per minore importanza, Dugin ha spiegato al grande pubblico la dimensione metafisica di questa battaglia, la guerra dello Spirito che è in atto, dischiudendo la dimensione escatologica che è sostanza di quella geopolitica ed #etnosociologica. Uno scontro fra civiltà, per citare Huttington, in quella fine della Storia che Fukuyama aveva preannunciato con il trionfo dell’imperialismo a stelle e strisce e che, invece, viene ora ribaltato da un ordine multipolare in cui confliggono la visione globalista e quella della Tradizione.

Chiaramente non saranno i pochi minuti di una trasmissione televisiva a consentire un’adeguata spiegazione di questi concetti, densi di sostanza e con una lunga genesi concettuale e pragmatica. Chi conosce e segue il filosofo e politologo moscovita sa bene che la sua attività si dispiega in una lunga e fitta serie di pubblicazioni librarie, accademiche e giornalistiche, in Italia tramite la nostra piattaforma Idee&Azione (www.ideeazione.com) che rappresenta il canale italiano del Movimento Internazionale Eurasiatista, con anche la versione italiana di Geopolitica.ru che curiamo, e le case editrici AGAAspis e Settimo Sigillo. Per me, che ho personalmente curato la prima tesi al mondo dedicata al suo pensiero filosofico politico e che tengo il primo corso universitario monografico, vederlo arrivare in televisione è stata una grande soddisfazione, non posso negarlo, pur mantenendo la consapevolezza che la battaglia è di ben altra dimensione e svolta da lungo tempo tramite altre forme comunicative.

È proprio la comprensione metafisica e verticale di quel che sta avvenendo che Dugin ha voluto comunicare al multiforme panorama italiano, ponendosi, da solo ed in maniera libera da condizionamenti e premesse, come “opposizione” alla narrazione uniformata di cui le principali forze politiche italiane si sono trovate infette all’unisono, con eccezione di alcune mosche bianche in Parlamento e dei nuovi movimenti popolari. Senza intendere che cosa sia veramente questa battaglia fra concezioni esistenziali, senza entrare nella dimensione metapolitica dell’operazione speciale militare della Russia e la guerra ibrida mossa dalla NATO & partners, si rischia di perdere il senso profondo di quello che stiamo tutti drammaticamente vivendo.

Come già spiegato nell’articolo Katechon e Antikeimenos, la battaglia geopolitica dello Spirito: «La Russia in questo momento rappresenta il baluardo contro l’egemonia dell’Occidente pervertito, che ha tradito le sue origini, la sua Fede, che ha soggiogato con la violenza, le guerre palesi ed occulte, la colonizzazione culturale e militare la maggioranza del globo. Assieme agli altri Stati che non si sono piegati ad alcun padrone politico e che hanno custodito la propria identità e tradizione, c’è una luce dall’oriente che nel tracollo della dualità di questo mondo si pone come contro-bilanciamento nella Storia e ci interroga a scegliere da che parte stare.»

Dugin stesso lo ha spiegato bene nelle interviste e nei recenti articoli (in particolare qui , qui e qui), mostrando come l’Occidente sia un’ideologia, nel pieno senso della parola. L’ideologia è un’immagine della realtà, imposta in maniera totalitaria con l’aiuto di tutti i mezzi tecnici e psicologici alle masse; ma la Russia ha scelto di rompere con tale dittatura ideologica, sotto con la quale fino a poco tempo fa andava a braccetto – e la questione “pandemia” ne è una dimostrazione recente – abbandonando l’Occidente come idea per intraprendere una strada diverse, che metafisicamente possiamo identificare come una vera e propria missione escatologica.

Stando ai riscontri fino ad ora ricevuti, il messaggio è giunto forte e chiaro all’Italia intera. C’è qualcuno, oltre le fobie e le propagande, al di là delle bandiere e dei passaporti, che auspica un risveglio ed una rivincita che sia autentica e autodeterminata, senza l’egida di alcun’altra potenza imperante. Un passaggio verso la piena multipolarità politica che è possibile, in questa fase, solo tramite la comprensione e la scelta dello schieramento fra le due civiltà in conflitto. Il grande progetto dell’Europa dei popoli passa attraverso la liberazione dal giogo dell’atlantico e l’alleanza eurasiatica di cui già siamo noologicamente e culturalmente parte nella costruzione di un mondo nuovo.

(Inizia sessione zoom – 13/04 dalle 20:30)

 

Foto: Idee&Azione di Lorenzo Maria Pacini (Capire la manipolazione delle masse –  Cratesiologia)
Fonte: https://www.ideeazione.com/il-messaggio-di-aleksandr-dugin-per-litalia/

Pacini e Dugin “Controffensiva Culturale ed Idee in Azione

Uno strumento per potere imparare a smontare i complotti e comprendere come funzionano i mecanismi del potere.
86 views

 

You may also like

Il fatto che questi partiti pro-costituzione siano riusciti a raccogliere il numero di firme necessario contro ogni previsione può essere un segnale che possono ottenere risultati inaspettati anche nelle elezioni vere e proprie e ribaltare la situazione.
41 views
In fondo, seppure divisi, l’obiettivo resta comune e lo riassume così l’avvocato Polacco, tra i fondatori di Vita: “Cacciare quelli che ci sono ora e sostituirli con persone oneste”.
14 views
Come aveva annunciato l’endocrinologo Giovanni Frajese (candidato per Italexit di Paragone) ha posto la sua firma sulle liste di Italia Sovrana e Popolare, in segno di unità. Il gesto è stato ricambiato da Paolo Pace, coordinatore regionale della coalizione guidata da Toscano e Rizzo.
11 views
Giovanni Frajese, endocrinologo che entra in politica per prima volta e come candidato per Italexit, anuncia che firmerà per Italia Sovrana e Popolare come segnale di unità.
10 views
160 morti al giorno non erano i "no-vax", ma erano persone 'vaccinate' e fragili.
13 views
«I vaccini sono pericolosi»: così la giudice di Firenze reintegra al lavoro la psicologa no vax (Corriere della sera) La notizia fu una bomba per l'insieme dei follower del WEF (World Economic Forum) e l'Agenda2030.
39 views
Eva Vlaardingerbroek mette in guardia dallo sradicamento delle nostre identità e dei nostri diritti fondamentali in tutto il mondo occidentale, ma in particolare in Europa.
13 views
Naomi Wolf analizza gli scioccanti 55.000 documenti della Pfizer sugli effetti collaterali del vaccino: arresti cardiaci, insufficienza epatica e morte. Pfizer e FDA sapevano, ma hanno voluto mantenere il segreto per 75 anni.
11 views
Robert Mark Buller è stato uno dei principali ricercatori statunitensi sul virus dell'ortosse, che ha condotto almeno due serie di ricerche sul guadagno di funzioni sui virus correlati al vaiolo. È morto in un incidente.
13 views
La prima falsa pandemia dell'OMS nel 2009, l'influenza suina (N1H1), ha potuto essere dichiarata solo dopo che l'OMS aveva adattato la definizione a proprio piacimento.
20 views
Questo reportage spagnolo sulla prima falsa pandemia dell'OMS, la influenza suina del 2009, analizza la lobby di Big Pharma e la causa intentata da Wolfgang Wodarg.
17 views
I rapporti di tre diversi paesi europei mostrano che la presunta pandemia di influenza suina del 2009 è stata inventata o almeno tremendamente esagerata.
19 views
Le Nazioni Unite e l'OMS sono state sostituite da grandi organizzazioni internazionali che godono di una sorta di immunità diplomatica.
25 views
Vera Sharav fornisce un resoconto dettagliato dei veri eventi che hanno causato l'"influenza spagnola" e traccia agghiaccianti paralleli con la pandemia di Covid-19.
27 views
La fede spesso cieca nei vaccini si basa fortemente sul doppio mito della polio. Il mito della malattia stessa e il mito ancora più grande del vaccino che avrebbe "curato il mondo"...
52 views
In questa prima parte l'introduzione e le prime due domande dal professor Pacini.
203 views
Prof Paolo Garello: educazione -> obedienza e conformismo -> manipolazione. Se non ci svegliamo non se la cava nessuno.
15 views
Tutti nella sala d'attesa sono stati istruiti ad alzarsi ogni volta che sentivano un bip. L'unica persona non istruita copia questo comportamento, solo dopo alcuni bip.
19 views
Stanley Milgram ha mostrato come sia possibile che le persone sembrino andare piuttosto facilmente contro i propri principi e valori quando ricevono "ordini" da una presunta "autorità".
18 views
Gli esperimenti di conformità di Solomon Asch dimostrarono l'incredibile influenza della pressione del gruppo su un individuo.
19 views
L'appello di Trudeau per la democrazia distrutto nel Parlamento europeo: "I vostri metodi si adattano a una dittatura della peggior specie".
20 views
Uno strumento per potere imparare a smontare i complotti e comprendere come funzionano i mecanismi del potere.
86 views
Julian Assange 2011 - La guerra è fatta dalle bugie dei media. La popolazione deve essere ingannata per le guerre.
18 views
"Il vero problema è il conformismo!" - Il Prof. Garello sulla manipolazione di massa e altro.
34 views

Page 1 of 3